Lettera per un mondu senza viulenza

La “Carta para un mundo sin violencia” es el resultado de varios años de trabajo de individuos y organizaciones que han ganado el Premio Nobel de la Paz. El primer borrador fue presentado en la Séptima Cumbre de Premios Nobel en 2006 y la versión final fue aprobada en la Octava Cumbre en diciembre de 2007 en Roma. Los puntos de vista y propuestas son muy parecidos a los que aquí vemos en esta Marcha.

U 11 di Novembre di 2009, durante a Decima Cumpagnia Mondiale tenuta à Berlinu, i vincitori di a Premiu Nobel di a pace anu prisentatu a Carta per un mondu senza viulenza à i promotori di u Marzu Mondiale per a Pace è a Nonviolenza Furianu da emissarii di u documentu cum'è parte di u so sforzu per aumentà a cuscenza globale nantu à a violenza. Silo, fondatore di l'Umanesimu Universalista è una ispirazione per a Marcia Mondiale, hà discusitu quandu Sensu di Pace è Nonviolenza à quellu tempu.

Lettera per un mondu senza viulenza

A violenza hè una malattia previzibile

Ningún Estado ni individuo puede estar seguro en un mundo inseguro. Los valores de la no-violencia han dejado de ser una alternativa para convertirse en una necesidad, tanto en las intenciones, como en los pensamientos y en las acciones. Estos valores se expresan en su aplicación a las relaciones entre estados, grupos e individuos. Estamos convencidos de que la adhesión a los principios de la no-violencia introducirá un orden mundial más civilizado y pacífico, en el que pueda ser realidad un gobierno más justo y eficaz, respetuoso de la dignidad humana y de la sacralidad de la misma vida.

Nuestras culturas, nuestras historias y nuestras vidas individuales están interconectadas y nuestras acciones son interdependientes. Hoy como nunca antes, creemos encontrarnos frente a una verdad: el nuestro es un destino común. Ese destino estará determinado por nuestras intenciones, nuestras decisiones y nuestras acciones de hoy.

Credemu fermamente chì a creazione di una cultura di pace è di senza violenza hè un scopu nobile è necessariu, ancu s'ellu hè un prucessu longu è difficiule. Affirmà i principii enunciati in sta Carta hè un passu di vitale importanza per garantire a sopravvivenza è u sviluppu di l'umanità è fà un mondu senza violenza. Noi, pirsuni è organizzazioni premiate cù u Premiu Nobel di a pace,

A cunfirmazione u nostru impegnu à a Declarazione Universale di i Diritti Umani,

Preghendu per a necessità di mette fine à a diffusione di a violenza à tutti i livelli di a società è, soprattuttu, à e minacce chì mettenu in situu a minaccia a vita stessa di l'umanità;

A cunfirmazione chì a libertà di pensamentu è di espressione sia à a radice di a demucrazia è di a creatività;

Ricunniscendu chì a violenza si manifesta in molte forme, sia cume cunflittu armatu, occupazione militare, povertà, sfruttamentu ecunomicu, distruzione di l'ambiente, corruzzione è pregiudiziu basatu nantu à a razza, a religione, u sessu o l'orientazione sessuale;

Riparazione chì a glorificazione di a violenza, cume si manifesta in u travagliu di intrattenimentu, pò cuntribuisce à l'accentu di a violenza cum'è una situazione normale è ammissibile;

Convintu chì i più colpiti da a violenza sò i più debuli è i più vulnerabili;

Tenendu in considerazione chì a pace ùn hè micca solu a mancanza di violenza, ma ancu a presenza di a ghjustizia è u benessere di u populu;

Cunsidendu chì un riconoscimentu inadeguatu di a diversità etnica, culturale è religiosa da parte di i Stati hè à a radice di gran parte di a violenza chì esiste in u mondu;

Ricunniscendu la urgencia de desarrollar un planteo alternativo a la seguridad colectiva basado en un sistema en el que ningún país, o grupo de países, deba contar con las armas nucleares para la propia seguridad;

Cuncenti chì u mondu abbia bisognu di meccanismi mondiali efficaci è di pratiche non violenti di prevenzione è di risoluzione di cunflittu, è chì questu sia di più riesce quandu esse aduttati finu à a prima etapa;

Affirmà chì quiddi cun dotazioni di u putere anu a più grande responsabilità ponu fine à a violenza, induve si manifesta, è di prevene quandu hè pussibule;

Convintu chì i principii di a mancanza di violenza debbenu trionfà à tutti i livelli di a sucietà, è ancu in e relazioni tra Stati è individui;

Invocemu a comunità internaziunale à favurizà u sviluppu di i principii seguenti:

  1. In un mondu interdipendente, a prevenzione è a cessazione di i conflitti armati tra i Stati è in i Stati impieganu un'azione collettiva da parte di a comunità internaziunale. U modu megliu per assicurà a sicurità di e stati singuli hè di avanza a sicurezza umana globale. Ciò impone di rinfurzà a capacità di attuazione di u sistema UN è di e organizzazioni di cooperazione righjunale.
  2. Per fà un mondu senza violenza, i Stati devono rispettu sempre u statutu di dirittu è onurà i so contratti giuridichi.
  3. Hè essenziale procedere senza ulteriore ritardu versu l'eliminazione verificabile di l'armi nucleari è altre armi di distruzzione di massa. I stati chì detenenu tali armi anu da piglià passi concreti versu u disarmamentu è aduttanu un sistema di difesa chì ùn si basa micca in a dissuasione nucleare. In listessu tempu, i Stati sò fatti à sforzà di consolidà un regime di non-proliferazione nucleare, rinfurzendu dinò a verifiche multilaterali, a prutezzione di i materiali nucleari è a realizzazione di u disarmamentu.
  4. Per riduce a violenza in a sucietà, a pruduzzioni è a vendita di armi chjovi è armi leggere deve esse ridotte è cuntrullate rigorosamente à u livellu internaziunale, statale, righjunale è lucale. In più, ci vole à applicà cumunamente universale à l'accordi internaziunali in materia di disarmamentu, cume u Trattatu di banana di mine di 1997, è di l'appoghju à i sforzi novi chì volenu eliminà l'impattu di l'armi indiscriminati è attivati. vittime, cum'è e munizioni in cluster.
  5. U terruriu ùn pò mai esse ghjustificatu, perchè a violenza hè generosa di violenza è chì nessun attu di terrore contra a populazione civile di ogni paese pò esse perpetrattu in nome di alcuna causa. A lotta contr'à u terrorismu ùn pò micca, ghjustificà a viulazione di i diritti umani, u dirittu umanitariu internaziunale, e norme di a società civile è di a demucrazia.
  6. Per mette a fine di a violenza domestica è di a famiglia, si deve u rispettu incondizionatu di l'uguaglianza, di a libertà, di a dignità è di i diritti di a donna, di l'omi è di i figlioli, da parte di tutte e persone è istituzioni di u Statu, di a religione è di a sucietà. a società civile Tale tutela deve esse incorporata à e leggi è convenzioni lucale è internaziunale.
  7. Ogni individuo è u statu partessanu a responsabilità di impedisce a violenza contr'à i zitelli è i ghjovani, chì rapprisanu u nostru futuru cumunu è u nostru prezzu più preziosu, e promuove opportunità educative, accesso à l'assistenza primaria, sicurezza personale, protezione sociale è un ambienti di sustenimentu chì rinforza a mancanza di violenza cum'è una vita. L'educazione in pace, chì incita la mancanza di violenza è l'accentu di a compassione cum'è una qualità innata di l'omu deve esse una parte essenziale di prugrammi educativi à tutti i livelli.
  8. Prevenzione di conflitti derivanti da l'aggregazione di risorse naturali è, in particulare, di fonti d'acqua è di energia, richiede à gli Stati di sviluppà un rolu attivu è istituiscono sistemi giuridici è mudelli dedicati à a prutezzione dell'ambiente è à incuraghjà u cungimentu di u so consumu basatu annantu à a dispunibilità di risorse è di e vere bisogni umani
  9. Invocemu Nazioni Unite è i so Stati membri à prumuvà un riconoscimentu significativu di a diversità etnica, culturale è religiosa. A regula d'oro di un mondu micca violente hè: "Trattate l'altri cumu si vulia esse trattati".
  10. I principali strumenti politici necessari per fondà un mondu micca violente sò l'instituzioni democratiche effettive è u dialogu basatu nantu à a dignità, a cunniscenza è l'impegnu, fattu in u bilanciu tra e parti, è, se ne vole, ancu tenendu in mente. aspetti di a sucietà umana cum'è u mondu naturale in u so situ.
  11. Tutti i Stati, l'instituzioni è i individui anu appoghju à e sforzi per superà e disuguaglianze in a distribuzione di e risorse economiche è risolvenu grandi iniquità chì creini un terreno fertile per a violenza. A disparità in e condizioni di vita porta inevitabilmente à una mancanza di opportunità è, in molti casi, à a perdita di speranza.
  12. A società civile, inclusi difensori di diritti umani, pacifisti è attivisti ambientali, deve esse ricunnisciuta è protetta cum'è essenziale per a custruizione di un mondu non violente, cum'è tutti i governi devanu servire à i so cittadini è non u so opposto. E condizioni sò esse create per permettere è incuraghjanu a participazione di a sucetà civile, in particulare di e donne, in i prucetti politichi à u livellu globale, righjunale, naziunale è lucale.
  13. Al poner en práctica los principios de esta Carta, nos dirigimos a todos para que trabajemos juntos por un mundo justo y sin asesinatos, en el que cada uno tenga el derecho a no ser matado y, a la vez, el deber de no dar muerte a nadie.

Signatures di a Carta per un mondu senza viulenza

sobre remedializate tutte le forme di violenza, incoraggiamo la ricerca scientifica nei campi dell'interazione umana e del dialogo, e invitiamo le comunità accademiche, scientifiche è religiose per aiutanu in a transizione verso una società senza violenza è non assassinea. Firmate a Carta per un Mondu senza Violenza

I Premii Nobel

  • Mairead Corrigan Maguire
  • Sua Santità u Dalai Lama
  • Mikhail Gorbachev
  • Lech Walesa
  • Frederik Willem De Klerk
  • L'arcivescu Desmond Mpilo Tutu
  • Jody Williams
  • Shirin Ebadi
  • Mohamed ElBaradei
  • John Hume
  • Carlos Filipe Ximenes Belo
  • Betty Williams
  • Muhammad Yanus
  • Wangari Maathai
  • Medici Internaziunali per a Prevention of Nuclear War
  • Cruz Roja
  • Agenzia Internazionale di l'Energia Atomica
  • American Friends Service Committee
  • Ufficiale Internazionale di a Pace

I sustenitori di a Carta:

Istituzioni:

  • Governu Bascu
  • Cumuna di Cagliari, Italia
  • Pruvincia di Cagliari, Italia
  • Cumuna di Villa Verde (OR), Italia
  • Cumuna di Grosseto, Italia
  • Cumuna di Lesignano de 'Bagni (PR), Italia
  • Cumuna di Bagno a Ripoli (FI), Italia
  • Cumunità di Castel Bolognese (RA), Italia
  • Cumuna di Cava Manara (PV), Italia
  • Cumune di Faenza (RA), Italia

Organizzazioni:

  • People di Paci, Belfast, Irlanda di u Nordu
  • Associu Memoria Collettiva, Associu
  • Hokotehi Moriori Trust, Nuova Zelanda
  • Mondu senza guerri è senza viulenza
  • Centro Mondiale di Studii Umanisti (CMEH)
  • A Comunità (per sviluppu umanu), Federazione Mondiale
  • Cunvergenza di e Culture, Federazione Mundiale
  • Federazione Internazionale di Partiti Umanisti
  • Associu "Cadice per a Non Violenza", Spagna
  • Women for a Change Foundation International (Regnu Unitu, India, Israele, Camerun, Nigeria)
  • Istitutu per a Pace è Studi Seculari, Pakistan
  • Associu Assocodecha, Mozambique
  • Fondazione Awaz, Centru per i servizii di sviluppu, Pakistan
  • Eurafrica, Associu Multiculturali, Francia
  • Giochi di Pace UISP, Italia
  • Moebius Club, Argentina
  • Centru per a crescita creativa "Danilo Dolci", Italia
  • Centru Studi ed Iniziativa Europea, Italia
  • Istitutu di Sicurità Globale, USA
  • Gruppo Emergency Alto Casertano, Italia
  • Società Boliviana Origami, Bolivia
  • Il sentiero del Dharma, Italia
  • Gocce di fraternità, Italie
  • Fundazione Aguaclara, Venezuela
  • Associazione Lodisolidale, Italia
  • Educazione di Diritti Umani è Colettiva Prevenzione di Cunflitti Attivi, Spagna
  • ETOILE.COM (Agence Rwandaise d'Edition, de Recherche, de Presse et de Communication), Rwanda
  • Organizazione di i Ghjuvannali di i Diritti Umani, Italia
  • Ateneu di Petare, Venezuela
  • Associu Eticu di CÉGEP di Sherbrooke, Quebec, Canada
  • Federazione di Istituzioni Privati ​​per a Cura di i zitelli, a Ghjuventù è a Famiglia (FIPAN), Venezuela
  • Centre Communautaire Jeunesse Unie de Parc Extension, Québec, Canada
  • Medichi per Survival Globale, Canada
  • UMOVE (Mamme Uniti oppunendu à a Violenza In ogni locu), Canada
  • Raging Grannies, Canada
  • Veterani Contra Armi Nucleari, Canada
  • Centru di Studiu Trasformativu, Università di Toronto, Canada
  • Promutori di Pace è Nonviolenza, Spagna
  • ACLI (Associazioni Cristiane Lavoratori Italiani), Italia
  • Legautonomie Veneto, Italia
  • Istitutu Buddista Italiano Soka Gakkai, Italia
  • UISP Lega Nazionale Attività Subacquee, Italia
  • Commissione Giustizia e Pace di CGP-CIMI, Italia

Notable:

  • Mr. Walter Veltroni, anzianu sindaco di Roma, Italia
  • U Sr Tadatoshi Akiba, Presidente di Alcalli per a Pace è Mayor di Hiroshima
  • Mr. Agazio Loiero, Guvernatore di a Regione Calabria, Italia
  • Prof. MS Swaminathan, Ex Presidente di e Cunferenze Pugwash nantu à a Scienza è l'Affari Mundiali, l'Organizazione di u Premiu Nobel per a Pace
  • David T. Ives, Istitutu Albert Schweitzer
  • Jonathan Granoff, Presidente di l'Istitutu di Sicurezza Globale
  • George Clooney, attore
  • Don Cheadle, attore
  • Bob Geldof, cantante
  • Tomás Hirsch, portavoce di l'Umanisimu per l'America Latina
  • Michel Ussene, portavoce di l'Umanismu per l'Africa
  • Giorgio Schultze, portavoce di l'Umanismu per l'Europa
  • Chris Wells, Speaker di Humanism per l'America di u Nordu
  • Sudhir Gandotra, portavoce di l'Umanismu per a Regione Asia-Pacificu
  • Maria Luisa Chiofalo, Consigliera di a Cumuna di Pisa, in Italia
  • Silvia Amodeo, presidente di a Fundazione Meridion, in Argentina
  • Miloud Rezzouki, Presidente di l'Associazione ACODEC, Maroccu
  • Angela Fioroni, secretariu regiunale di a Legautonomie Lombardia, Italia
  • Luis Gutiérrez Esparza, Presidente di u Cercle Latinoamericanu di Studi Internaziunali (LACIS), Messico
  • Vittorio Agnoletto, ex membru di u Parlamentu Europeu, Italia
  • Lorenzo Guzzeloni, sindaco di Novate Milanese (MI), Italia
  • Mohammad Zia-ur-Rehman, Coordinatore Naziunale di GCAP-Pakistan
  • Raffaele Cortesi, Mayor di Lugo (RA), Italia
  • Rodrigo Carazo, Ex Presidente di Costa Rica
  • Lucia Bursi, sindaco di Maranello (MO), Italia
  • Miloslav Vlček, presidente di a Camera di i Diputati di a Repubblica Ceca
  • Simone Gamberini, Maire di Casalecchio di Reno (BO), Italia
  • Lella Costa, Actrice, Italia
  • Luisa Morgantini, ex-Vicepresidenta di u Parlamentu Europeu, Italia
  • Birgitta Jónsdóttir, membru di u Parlamentu Islandese, Presidente di l'Amichi di u Tibet in Islanda
  • Italo Cardoso, Gabriel Chalita, José Olímpio, Jamil Murad, Quito Formiga, Agnaldo
  • Timóteo, João Antonio, Juliana Cardoso Alfredinho Penna ("Fronte Parlamentare di a Marcia Mondiale di a Pace per a Pace è Não Violência in São Paulo"), Brasile
  • Katrín Jakobsdóttir, Ministru di l'Educazione, a Cultura è a Scienza, Islanda
  • Loredana Ferrara, Consiglieru di a Pruvincia di Prato, Italia
  • Ali Abu Awwad, attivista di a pace à traversu a nonviolenza, Palestina
  • Giovanni Giuliari, Consiglieru à a municipalità di Vicenza, Italia
  • Rémy Pagani, sindaco di Ginevra, Svizzera
  • Paolo Cecconi, Mayor di Vernio (PO), Italia
  • Viviana Pozzebon, cantante, Argentina
  • Max Delupi, ghjurnalistu è mutore, Argentina
  • Páva Zsolt, sindaco di Pécs, Ungheria
  • György Gemesi, sindaco di Gödöllő, presidente di l'Autorità Locali, Ungheria
  • Agust Einarsson, reattore di l'Università di Bifröst University, Islanda
  • Svandís Svavarsdóttir, Ministru di l'Ambiente, Islanda
  • Sigmundur Ernir Rúnarsson, Membru di u Parlamentu, Islanda
  • Margrét Tryggvadóttir, Membru di u Parlamentu, Islanda
  • Vigdís Hauksdóttir, Membru di u Parlamentu, Islanda
  • Anna Pála Sverrisdóttir, Membru di u Parlamentu, Islanda
  • Thráinn Bertelsson, Membru di Parlamentu, Islanda
  • Sigurður Ingi Jóhannesson, Membru di u Parlamentu, Islanda
  • Omar Mar Jonsson, sindaco di Sudavikurhreppur, Islanda
  • Raul Sanchez, Sicritariu di i Diritti Umani di a Pruvincia di Còrdova, in Argentina
  • Emiliano Zerbini, Musicista, Argentina
  • Amalia Maffeis, Servas - Córdoba, Argentina
  • Almut Schmidt, Direttore Goethe Institut, Cordoba, Argentina
  • Asmundur Fridriksson, sindaco di Gardur, Islanda
  • Ingibjorg Eyfells, direttore di a scola, Geislabaugur, Reykjavik, Islanda
  • Audur Hrolfsdottir, Direttore di a Scola, Engidalsskoli, Hafnarfjordur, Islanda
  • Andrea Olivero, presidente naziunale di Acli, Italia
  • Dennis J. Kucinich, Membru di u Cungressu, USA
5 / 5 (1 Rivista)
Share it!