Logbook, 27 d'ottobre

U 27 d'ottobre di u 2019, à 18 ore di sera, u Bambù scioglie i so amarri è principia a strada stabilita. L'iniziativa "Mari Mediterraneu di Pace" sbocca vele è parte da Genova. 

27 ottobre - À 18.00:XNUMX pm, u Bambù, a barca di u Fundazione Esodo chì accoglie l'equipaggiu di Mar Mediterraneo di a Pace, liate solte è si alluntanate di Ghjenuva.

Destinazione: Marsiglia. Prima parada nantu à a strada marittima di a 2 Marcha Mundiale per a Pace è a Non Violenza

Un tramontu d'oru illumina La Lanterna, u faro chì hà guidatu i navi in ​​e fora di u portu per 800 anni.

A luce chì circonda a cità pare un segnu di bon avvene per sta viaghju à traversu u Mediterraneu occidentale è meridionale chì, in l'ultimi anni, pare avè dimenticatu a so anima.

L'antiche civiltà a chjamavanu u Mare Mare, per i Rumani era u Mare Nostrum, per l'Arabi è i Turchi era u Mare Biancu, per l'egiziani era u Grande Verde.

Un mare trà e terre chì in tuttu u millenniu hè stata a strada chì hà unitu è ​​unitu civiltà, culture, omi.

Un mare chì hè diventatu a scena di terribili tragedie

Un mare chì hè diventatu a scena di terribili tragedie: decine di millaie di persone sò prigiunate in i campi di Libia, vera
prigiò induve vittime viulenza, viulinu è tortura.

Solu quelli chì si ponu pagà ponu andà in mare, sperendu à ùn esse intercepti da l'autodinamicatu Guardia Costiera Libia è esse riportati in infernu.

Una Guardia Costiere finanziata cù fondi italiani è europei grazia à un accordu chì sarà rinnuvatu in pochi ghjorni.

Solu quist'annu, più di 63.000 persone anu rischiatu a so vita per ghjunghje à i costi europei in cerca di speranza.

Ci hè stimatu chì e persone 1028 morse in mare. Morti chì pesanu nantu à a cuscenza di tutti, ma hè troppu faciule di sminticà.

Semu abituati à i giurnali di i morti, di salvatrici, di rifiuti.

Hè facilitu per scurdà di u soffrenu

Hè facilitu per scurdà di u soffrenu, solu duvete girà a testa da l'altra parte.

È s’è tù sì in terraferma, cunfortumente pusatu in una poltrona, ùn si pò mancu imaginà ste tragedie.

Ma quì in Bambù à a notte, benchì u mare hè calmu (ondi chjucu, pocu ventu, andemu à motore) è si pò sempre vede e luci di a costa, u primu pensamentu hè per quesse persone, donne, omi è I zitelli chì, forse avà, annantu à a riva meridionale di u Mari Mare andanu in mare in barche gonflabule o barche di legnu assai chjucu.

Omi, donne è zitelli abbracciati in navi insicure oltre l'immaginazione, à tempu di a so speranza di una vita megliu.

Avete da esse statu in mare di notte per capiscenu ciò chì queste persone pò sentenu, quasi sempre vultendu da posti luntani da a costa.

Pensemu à elli è a so paura

Pensemu à elli è a so paura cume si, impannillati in u bughjone, fighjaranu l'orizonte in a speranza chì qualchissia ghjunghje à l'aiutu per purtassi in un refugiu sicuru.

Cunsiderate ancu e persone di Ocean Viking, una di e poche nave umanitarie chì naviganu sempre, chì aspettanu dapoi ghjorni per attraccà in un portu sicuru. Cumu si pò trattà cusì numerosi esseri umani cusì?

Cume pò fà tuttu ciò lascià indifferenti? Gettemu sta dumanda attraversu l'onda. Pensate à questu.

À 4 à a prima matina ùn hè pocu ventu. Scuntemu a candela è continuemu.


Foto: Bambù, a nave di a Fundazione Exodus in Gènova, attraversata in fronte à u Galata Mu Museo di mare è migrazioni, unu di i più importanti musei marittimi in u Mediterraniu.

In piazza, davanti à u Galata, avemu creatu una mostra cù una piccula parte di i disegni di i zitelli di tuttu u mondu chì anu participatu à u
Prughjettu di culori di pace.

In l'esposizione pacifista ancu e foto di Sea Beauty di Stella del Curto è Kaki Tree di Francesco Foletti.

1 cummentariu annantu à "Logbook, u 27 d'ottobre"

Lascià un cumentu