Logbook, Novembre 5

Nantu à 5, in Barcellona eramu à u Peace Boat, una crociera operata da l'ONG giapponese di u listessu nome, chì s'hè impegnata à diffusà a cultura di pace per 35.

5 de novembre - Un saccu di tempu hè passatu nantu à a nave per verificà e previsioni meteo per vede cumu si evolverà u tempu. Ci hè un ventu assai forte fora.

Arrivanu ancu, quì, in u portu, e raffiche chì facenu i masti girate è intornu à ella, u sonu di i halyards hè intesu. Un noise tipicu

Fighjemu i strumenti: l'anemometru registra raffi di 30-40 nodi. U ghjornu hè luminosu è fora di u ventu pare un ghjornu di primavera.

Lasciamu per l'incontru nantu à a Barca di Pace in un ordine curputu, alcuni in vittura cù René è Magda, altri in autobus; Qualchissia hà pensatu à camminà prima di capisce chì avarà da attraversà u portu cummerciale sanu. Una marcia di almenu una ora.

Peace Boat hè una nave da crociera operata da l'ONG giapponese di u listessu nome, chì s'hè impegnata in diffusà a cultura di a pace, u disarmamentu nucleari, a difesa di i diritti umani è a sustenibilità di l'ambiente per 35.

U bastimentu faci cruciere in tuttu u mondu è durante e tappe à bordu ci sò attività aperte à u publicu è à i gruppi pacifisti.

In a tappa di Barcellona, ​​in quale participeremu ancu u Mari di Pace Mediterraniu

In a tappa di Barcellona, ​​in quale participeremu ancu Mar Mediterraneo di a Pace, serà proiettatu u documentale "U principiu di a fine di l'armi nucleari", pruduciutu da l'agenza di stampa internaziunale Pressenza.

Dopu ci serà una seria d'intervenzioni, Alessandro ci parlerà per noi.

Sò ghjunti bè in anticipu per preparà a sala di cunferenze. Trascendendu da i spazi ristretti di u bambù à i corridoi di u Barca di Pace hà un certu effettu è ci ancu riescemu à perdevamu per l'altezza è per falà.

Oltre à stu picculu inconveniente, per u restu simu un squadra ben arrotondata: dopu una meza ora situemu l'esposizione Colors of Peace, a bandiera di u Mediterraniu di a Pace, a bandiera di a Marza in Italiana è a bandiera di l'Ambasciata di a Pace. , a reta di ambasciate di pace sustenuta ancu da sindaco di Palermu, Leoluca Orlando.

L'idea hè di implicà micca solu i Stati, ma dinò e città, e cumunità individuale di citatini in una reta chì porta u disarmu in u Mediterraniu è u dialogu trà i paesi. Calchì volta i citadini si capiscenu megliu.

Inma Prieto fa l'onori

A nostra Inma Prieto face l'onori, a "presentatrice affascinante" hè entusiasmata ma face assai bè. Accumincia.

Nariko, l'Hibakusha, leghje un poema di u so accumpagnatu da un violonistu. Allora tocca à María Yosida, direttrice di u Barca di Pace, di cuntà a storia di a missione di u Barcu di Pace. Dopu à ella, Inma annuncia u documentale. U bughju in a stanza.

"L'iniziu di a fine di l'armi nucleari" traccia a storia di e bombe atomiche lanciate nantu à u Giappone è tuttu u longu viaghju di e campagne per u disarmamentu nucleare, da quelli iniziati durante a Guerra Fredda à a recente ICAN, Campagna Internaziunale per l'Abolizione di l'Armi Nucleari. , premiatu u Premiu Nobel per a Pace in 2017 (u premiu hè in vista).

Ican hà marcatu un cambiamentu radicale in u ritmu di e mobilisazioni glubali per u disarmamentu nucleare, intantu perchè era una mobilizazione globale di a sucità civile è poi perchè hà cambiatu l'opinione annantu à u disarmu, cumpresu prima in u dibattitu u prublema di a crisa umanitaria chì seguitassi un pussibule usu di armi nucleari.

Una guerra nucleare hè una guerra senza fine

U casu giappunese è quellu di i paesi induve e teste nucleari sò stati realizati, in u Pacificu, u Kazakistan è l'Algeria, furnianu a basa documentale è teorica per u novu approcciu. Una guerra nucleare hè una guerra infinita, chì e so cunsequenze sò allungate.

A radiazione distrugge micca solu e persone, ma ancu i so modi: acqua, cibo, aria. Un veru risicu, sopratuttu oghje, quandu a fine di i blocchi di a Guerra Fredda hà apertu u caminu à l'arme nucleari à i paesi cù regimi autoritarii è antidemocratici.

In ùrtimi anni, u mondu hè statu parechji volte à mezu à esse abbattutu da una guerra nucleare.

Tutti si ricordanu u casu di Stanislav Petrov, u tenente colonellu di l'armata sovietica, chì davanti à l'urdinatori annunziendu un attaccu nucleare di i Stati Uniti contru l'URSS hà decisu di ùn reagisce.

Ùn appughjà micca nantu à u buttone è a guerra atomica ùn hà micca cuminciatu. L’urdinatori eranu sbagliati, ma s’e ’aghju ubbiditu à l’ordini, ùn sariamu micca oghje oghje da cuntà.

Ci sò stati cinque altri casi documentati in più di quelli di Petrov. Dunque, per mette in e parolle di unu di i protagonisti di u film: a quistione ùn hè micca se si sarà da novu, ma quandu ci vole.

Ci hè stata parlata di armi nucleari cum'è dissuasioni

Dapoi anni, l'arme nucleare sò state parlate cume dissuasivi. A tesi hè più o menu cusì: postu chì ci hè u risicu d'olucaustu glubale, i guerri seranu ridotti.

Basta à fighjà un giurnale per capisce chì e guerri cunvinziunali ùn si sò micca finite.

Per ùn dì chì l'evuluzione tecnulogica permette avà di fabricà armi nucleari più chjuche chì puderanu esse aduprate in guerri "cunvinziunali".

Abbandunate u film documentariu cù u sintimu d'urgenza: u disarmu è a pruibizione di l'armi nucleari immediatamente!

Tra l'intervenzioni seguenti, ciò chì capisce a nostra attenzione hè David Llistar, direttore di u Dipartimentu di Giustizia Globale è di Cooperazione Internaziunale di u Cunsigliu di Barcellona.

Barcelona hà iniziatu à distaccià si da i banche chì finanzianu u cummerciu di armi

Va direttamente à u puntu: banche è armi. A cità di Barcelona hà iniziatu à distaccià si da i banche chì finanzianu u cummerciu d'arme è u 50% di e linee di creditu l'averu apertu cù Banca Etica è u Bancu di Spagna.

L'obiettivu hè di ghjunghje gradualmente à 100%. Spiega ancu quale pò esse u rolu di l'amministrazioni municipali in a reta di disarmamentu nucleari: agisce cum'è un cinturione di trasmissione trà i citadini è l'autorità centrale. E pruposte chì ci facenu pensà.

Dopu l'intervenzioni di Tica Font di u Centro Delas d'estudis per la Pau, Carme Sunye di Fundipau è di u nostru Alessandru di l'associu Danilo Dolci de Trieste, hè ora di Rafael de la Rubia, promotore è coordinatore di u Mondu Marzu.

Semu tutti curiosi. Natu in 1949 in Madrid, Rafael hà decennii di attività pacifista daretu à ellu. Hè umanisticu è fundatore di u Mondu senza Guerra è Violenza. Durante a dittatura franchista era in prigiò per esse un objetore di cunuscenza, è hè statu ancu incarceratu in Chili di Pinochet per esse membru di u muvimentu umanista.

Librariu, editore, scrittore è traduttore, a so hè una longa marchja per a pace, chì principia cinquant'anni fà è ùn hè ancu finita. Ùn pare micca un capu chì intimida a folla, ma piuttostu qualchissia chì sà chì a strada di a pace è a non-violenza hè una strada in salita. "Femu ciò chì pudemu, passu à passu", dice.

Pensemu à u clima chì hè statu spartu. Dumane vulteremu in mare è pruvemu di ghjunghje in Tunisia.

Lascià un cumentu