Ghjurnale, da a terra

Tiziana Volta Cormio, conta in questu ghjurnale, scrittu da a terra, cumu hè natu a prima strada marittima di a Marza Mundiale.

Tiziana Volta Cormio, membru di a squadra di Coordinazione Internaziunale di u Prugettu Mediterraniu Mar de Paz, ci spiega in stu ghjurnale, scrittu da a terra, cumu hè natu a prima strada marittima di a Marza Mundiale.

Eccu ciò chì hè accadutu: e difficultà, l'ubbiettivi rializati, e riunioni, cose inaspettate ...

Escia

A nostra prima marcia marittima. Quandu à settembre aghju scontru Lorenza di l'Associazione la Nave di a Carta avemu digià scambiatu una larga serie di email per finisce u prugettu.

M'hà dettu chì "tuttu hè diversu da u mare, fascinante ma diversu".

«Di sicuru» pensu, ma solu avà, quindici ghjorni dopu à a partenza di u Bambù chì aghju capitu, aghju cuminciatu à capisce concretamente.

A marcia in mare, ancu per quelli chì u seguitanu da a terra cum'è mi succede, hè veramente una sperienza unica, in particulare in una volta chì simu in cambiamentu climaticu ghjornu dopu ghjornu.

M'arricordu di u 27 d'ottobre in Genova, u ghjornu di u ghjocu. Hè statu calore, un calore completamente inusual per u tempu. L'equipaggiu di bambù hà sappiutu andà nantu à u bastimentu. Per mè hè stata a prima volta, una sfida cun mè stessu postu chì u mio equilibriu era sempre un pocu inestabile.

Hè statu un piacè di scuntrà i cumandanti, l'equipaggiu, i manifestanti di pace in mare. Inseme pensemu à cumu si prisenta e mostre chì saranu purtate da portu in portu; I flyers, i dettagli finale.

Aghju ancu trovu a cugliera un ochju nantu à a bandiera di u Marzu.

Ùn aviamu micca pensatu chì era necessariu oculetti per alzà a bandiera nantu à u battellu.

È dopu u scontru cù Maurizio Daccà del Galata chì ci hà offrittu l’amore è ospitalità davanti à u museu.

Vi ringraziemu per a vostra ospitalità davanti à Galata è dendu u libru di a prima Marza Mundiale per a Pace è a Nonviolenza chì speremmu chì sia u principiu di una cullaburazione trà noi, induve u mare serà un grande protagonista cum'è sempre.

Hè 17.00:XNUMX p.m. A nave deve lascià prima di u previstu. Un cambiamentu di u tempu hè ghjuntu, hè megliu anticipà. "Ciao Bambù chì tuttu và cum'è speramu, chì pudete esse quellu messaggeru di speranza per a pace, u principiu di l'unione trà tutti noi, cù quellu chì scuntrà in u vostru viaghju per u Mediterraniu Occidentale".

Trà Genuva è Marsiglia

« È hè bè ch’è no ci vulia à anticipà a durezza di u mare » Pensu di vede l’imaghjini è i video chì mi venenu nant’à a rùbbrica trà Genuva è Marseglia. Sò nervoso, è assai.

Cuminciu à dumandassi s'ellu vale a pena di fà chì quelli esseri in a barca soffrenu i sforzi ch'elli stanu fendu. Certamente Pace, certa Non-viulenza ma ...

 

E allura mi ricevenu frasi rassicuranti, mi facenu capisce chì u mari hè ancu questu, un affruntamentu cuntinuu induve ogni mumentu pò esse tuttu è u cuntrariu di tuttu, induve da e acque bianche si vede un delfinu chì si scivola in un tranquillu venite è si ne và. .

Mi calmu è lasciu chì u Bambù venga à tranquilla Marsiglia.

Marsiglia

Hè stata l'ultima tappa chì avemu inclusu in u nostru itinerariu. Ùn avia nunda in quantu à ùn toccu a Francia. Tuttu hè statu studiatu pensendu à u scontru cù u Barca di Pace in Barcellona.

L'Olympique de Marsiglia paria una scumessa, postu chì ùn cunnosci micca assai di a situazione lucale. Martine chì mi avia prupostu d'andà in Africa, m'hà cunsigliatu di cuntattassi cù Marie.

Quandu l'aghju intesu per a prima volta, avemu dettu l'un à l'altru "avemu da pruvà à urganizà ciò chì pudemu"... ùn avemu mai à sente canti nantu à a pace, cusì participemu. Momenti semplici ma assai sinceri.

Questu hè u spiritu di u nostru viaghju. Ùn circhemu micca i mumenti "hit and run", ma per creà a fundazione per u dialogu è u cunfrontu continuu.

Barcelona

Quantu eccitante vede i ritratti di i disegni di i zitelli nantu à a pace da u mondu sanu in a sala di Peace Boat (mi m'indirizzu subitu à u presidente di l'associu "I Culori di a Pace" chì risponde cun entusiasmu.

Lorenza è Alessandro seguitanu à mandà imàgine, video chì mi mantenenu sempre à tempu, distanti ma vicinu.

L'intersezione trà u battellu è a nave hè stata un successu.

Tuttu hà cuminciatu durante una conversazione cù Rafael u lugliu scorsu mentre era in Milanu per a prima italiana di "U principiu di a fine di l'armi nucleari".

Avà l'imàgine di u documentale di Pressenza, u Premiu Accolade 2019, attraversu quella stanza.

Avà a testimonianza di Nariko, e fotografiche di Francesco Foletti chì dicenu a storia di u viaghju attraversu l'arburi di a Pace di Hiroshima è di Nagasaki.

U famosu glaze: u listessu ghjornu in New York avemu riisciutu à urganizà una projeczione di a stessa documentale è video mostra di l'arburi chì anu sopravvutu à l'attacchi atomici d'Aostu di 1945. Distante ma vicinu.

Era ora di rallegrà, ma sfurtunatamente a mo mente era in altrò, a Tunisia è a previsione di u malu tempu chì aghju vistu è torna l'angoscia m'hà attaccatu. Cosa da fà

Era ora di rallegrà, ma sfurtunatamente a mo mente era in altrò, a Tunisia è a previsione di u malu tempu chì aghju vistu è torna l'angoscia m'hà attaccatu. Cosa da fà A marcia in mare mi insegna à esse paziente, ancu per guidà e mio emozioni, e mo grande paura.

Trà Barcellona è ...

U cumandante Marco m'era avvistatu: ci saranu circa 48 ore di silenziu di u radiu. E cundizioni di u mare sò cumplesse, ma cercanu di ghjunghje in Tunisia.

Aghju passatu dui notti senza dorme. In ocasu mi ricercheva cù l'iPad www.vesselfinder.com... nunda. Del Bamboo hè solu un locu vicinu à Barcellona ... U mare sempre agitatu.

Cù u cumitatu promotore di a Seconda Marcia Mundiale, pruvemu di avè qualchì mumentu per coordinà u stadiu di Tunisia. M'arricordu di u so primu desideriu di accoglie a nave in strada à u Mediterraniu.

Mandu un email è verificate "Una pussibilità inaspettata". Da quì un signale cuntinuu, quandu u bambù riapparisce ? À un certu puntu, à 4 ore e 10 di u venneri 8, mandu un mail « Sò digià visibili in u norduvestu di a Sardegna », mi risponde qualchissia.

Induva si piantanu? Li vedi in u golfu di l'Asinara.

Cagliari

U bambù ghjunse in l'acqua calma è calda di Cagliari u sabbatu 9 in u Novembre dopu meziornu.

U cumandante, l'equipaggiu, i camminatori di pace in mare stancu dopu quasi quattru ghjorni di mare rossu, assai friddu.

Finalmente si firmò in un locu à ripusà è à ritruvà.

Un stadiu inaspettatu ma allegru, chinu di mumenti di grande impurtanza ma sopratuttu di ritruvamentu di a dimensione umana chì manca tantu avà.

 

Questa seconda Marcha Mundiale per a Pace è a Nonviolenza hè pussibile perchè ci sò esseri umani, ùn importa ciò chì facenu è quale hè u so rolu. Hè impurtante chì mette a so umanità in u Marzu.

 

A Tunisia hè stata postposta. Seremu andati davanti à a cunclusione di a seconda Mondu Marzu (8 di marzu 2020). Tutti i cuntatti seranu avvisati, ma in u frattempu sò aperte nuove pussibilità cù a tappa inaspettata in terra Sarda.

I ghjorni passanu, u tempu evoluzione constantemente ora dopu ora, in una manera cusì inusual o più bien in u modu di solitu per questu mumentu di grande passaghju climaticu.

Semu aspettendu per sapè ciò chì passerà à a nova tappa, Palermu. Speremu chì tuttu hè cume previstu.

I zitelli sò stati aspettendu mesi per l'arrivata di u barca di pace ricevutu cù e braccia aperte da a Liga Navale.

Ma serà u mare chì ci darà e risposte, quella natura amichevule è ostili, chì ci tenga da ricurdà a nostra vera dimensione.

 

1 cummentariu annantu à "Ghjurnale di bordu, da terra"

Lascià un cumentu