Ghjurnale, notte di 9 è 10 à Novembre 15

A notte di Novembre 9, in vista di e previsioni meteo, hè decisu di cunfurmà u calendariu per u restu di e tappe, di ùn andà in Tunisia. 

Notte di u 9 di Nuvembre in u portu di u Circolo Canottieri Ichnusa di Cagliari

Nuvembre 9 notte - Simu in u portu di u Circolu Canottieri Ichnusa in Cagliari. Urganizatu da u Club di Remu Ichnusa di Cagliari.

Hè stata una navigazione cumplicata è soprattuttu larga. Un cuntinuu di salti di ventu, pioggia, raffiche, ondi.

Semu tutti stanchi, ma u primu travagliu hè di verificà e pussibilità chì avemu di ghjunghje in Tunisia guardendu u calendariu per l'altri tappe di Palermo è Livornu.

Facemu tutti i pussibuli cuntrolli è l'assunzioni, ma sfurtunatamenti avemu da dimissioni di noi stessu, ùn pudemu micca ghjunghje in Tunisia.

E cundizioni climatiche di sta settimana sò veramente cattivi, in particulare in sta parte di u Mediterraniu, in i canali di a Sardegna è di a Sicilia, è pare chì resteranu pruibitivu durante un bellu pezzu.

Andemu à u lettu un pocu frustratu. Ma a Tunisia ferma sempre in u nostru calendariu. Hè statu solu rinviatu.

Nuvembre 10, stalla inaspettata in Cagliari

10 de novembre - À u mumentu avemu una tappa inaspettata per qualchi ghjornu in Cagliari, per a gioia di l'amichi di u muvimentu di pace sardi chì sò entusiasti di a nostra presenza inaspettata.

Marzia, Pierpaolo, Anna Maria, Aldo è Roberto venenu à visità à bordu in a piova torrente di sta liberazione chì ùn rinuncia micca è pensemu à ciò chì pudemu organizà a corsa senza avvisu.

Alessandro hà vultatu dinò à bordu, era falatu in Barcellona. Anderà cun noi in Palermu.

Sta tappa in Sardegna ci permette di fà un bilanciu di e basi militari chì suffocanu st’isula maravigliosa. Dapoi l'anni XNUMX, l'OTAN è i Stati Uniti anu fattu di stu paradisu una basa strategica per ciò chì chjamanu "servizii di guerra essenziale".

Una definizione curiosa. Cum'è s'è a guerra era "essenziale".

In pratica, l'isula hè una gigantesca basa militare per esercizii, furmazione, esperimenti cù novi sistemi d'arme, guerre simulate, tanki di carburante, armi è munizioni, rete di spionamentu è di telecomunicazioni.

L'acque custiere vicinu à l'estate militari sò spessu chjuse

L'acque custiere vicinu à i poligoni di Quirra, Teulada è Capo Frasca sò spessu chjusi. L'estensione di e zone militare di sta parte di u Mediterraniu hè tale chì trapassa tutta a superficie di a Sardegna.

I Sardi anu vissutu cù basi militari dapoi decennii, senza sminticà à resistà. Parechji manifestazioni è prutestazioni. Nuvembre 4 l'attivisti di A Foras anu prutestatu cù u elocu titolo:

Fora di e basi di a guerra. Poster in ottanta paesi in Sardegna, mobilizazioni, proteste.

Ma u bloccu militare resiste grazie à l'abbandunatu cummerciale di i cummircianti, caldi, motivi di statu è secreti.

Dapoi qualchì tempu, in l'isula induve si trovanu i dui più grandi poligoni d'Europa, ci hè un suspettu chì in certe zone l'alta incidenza di cancro hè legata à a contaminazione di u terrenu causata da i rifiuti militari. L'investigazioni sò lenti.

Ne parlemu cù i nostri amichi sardi chì ci invitanu à participà à una di e scontri di a reta “Arte Migrante” chì si tenite in a sala culturale María Carta in a casa di i studienti di l’Università.

Art Migrant hè una iniziativa nata in Bologna in 2012

Art Migrant hè una iniziativa nata in Bologna in 2012 è chì in pochi anni si hè diffusa in Italia è in l'esternu. L'ughjettivi sò assai simplici: creà l'inclusione per mezu di l'arti.

A meziornu à a settimana hè aperta à tutti, studenti, immigrati, senza casa, giovani è anziani.

Simu ghjunti accumpagnati da i nostri amichi in vittura è simu stati circundati da l’ambiente affettuosu è entusiastu di sti ghjovani chì si parlanu unu di l'altru facendo musica, ballendu è facenu arte.

Parlemu di noi stessu è di i nostri prughjetti chì piglianu e mani è si movevanu in a stanza cù u sonu di un clarinetto.

Uniscimu simbolicamente cù un filu di seta chì ci unisce l'una à l'altra in una rete di implicazione emotiva.

Diciamu addiu à i picciotti è andemu à cena in a pizzeria Federico Nansen.

A pizzeria hè frequentata da i pacifisti di a cità

Nunda ùn hè accidentale, a pizzeria hè frequentata da i pacifisti di a cità perchè Mauriziu, u pruprietariu, hà una storia unica.

In prima, chjamava u so ristorante à questu modu perchè da zitellu era un admiratore di l'esploratore norvegese di a fine di u 19u seculu.

Nansen ùn era micca solu un esploratore, ricurdatu soprattuttu per esse u primu à attraversà a Groenlandia in ski. Nansen era l'Altu Cummissariu per i Rifugiati di l'allora Liga di e Nazioni, vincitore di u Premiu Nobel per a Pace in u 1922, hà inventatu u Passaportu Nansen per prutege l'apolidi è li dedica u premiu "Nansen Refugee", chì hè attribuitu à quelli chì si distinguenu in l'assistenza. à i rifuggiati.

Ma chì face una pizzeria chjamata Nansen in Cagliari? Subitu spiegò.

Maurizio anni fà hè andatu à vive in Gaza, in Palestina, per insegnà à fà a pizza, hà mantinutu relazioni cù u mondu Palestinianu è in Cagliari offre una pizza affettata cù diversi ingredienti gustosi.

À a fine di sta sperienza gastronomica sardu-palestina vultemu à bordu (sempre sottu a pioggia) è mettimu in i sacchetti di dorme per sente u fisu di liberazione (sempre ellu). Sardegna, terra di paci.

Novembre 12, ghjurnata piena di attività

12 de novembre - In menu di 24 ore, u gruppu Cagliaritan hà urganizatu una ghjurnata piena di riunioni è attività. Non solu anu fattu i volantini, ci anu purtatu à u liceu è in altri lochi.

U prugramma principia à 16.00:XNUMX pm cù u prugramma "Hands off our children" in sulidarità cù l'attivisti di a pace investigati.

Da 18.00 à 20.00 ore ci hè una riunione publica cù a proiezione di esibizioni, film è mumenti di discussione nantu à i temi di u
marcia Prima, u disarmamentu.

À 21: 00 ore hè fatta una festa cù canzoni è balli di l'Associazione Terra Mea. U chat WhatsApp hè inundatu da i missaghji di u Marcan vulcanicu chì cù u so aria tenera ci fa tutti correri cum'è loca. Cù traccia di emoticon.

Questa tappa inaspettata hè dimustrata bella, bella ghjente, u bellu tempu chì gira intornu à u muvimentu pacifistu.

Bella Sardegna Andemu, andemu inseme, ùn hè micca bellu piace stu desideriu?


Belli balli. L'equipaggiu prova i balli tradiziunali di a Sardegna, fora di Rosa, u nostru marinu chì hà una grazia innata sia quandu ella hè à l'encante è quandu balla, tutti l'altri decidenu prudentemente di ùn spinghja l'antica tradizione di u ballu sardanu cù i so movimenti in periculu I piedi di l'altri.

Questa tappa inaspettata hè dimustrata bella, bella ghjente, u bellu tempu chì gira intornu à u muvimentu pacifistu. Bella Sardegna Andemu, andemu inseme, ùn hè micca bellu piace stu desideriu?

Belli balli. L'equipaggiu prova i balli tradiziunali di a Sardegna, fora di Rosa, u nostru marinu chì hà una grazia innata sia quandu ella hè à l'encante è quandu balla, tutti l'altri decidenu prudentemente di ùn spinghja l'antica tradizione di u ballu sardanu cù i so movimenti in periculu I piedi di l'altri.

L'unicu chì ùn capisce micca sensu in questu clima tranquillu è festivu hè u clima.

Ancu a tappa di Palermo hè in periculu. Sud-sud-occidentale assai tensu è ondulatu. Invece, a chat aperta cù l'amichi di Palermo hè un deliriu di missaghji. A fine, avemu decisu di decide di dumane.

Novembre 13 è Novembre 14. Partimu Proa à Palermu

13-14 nuvembre - Andemu. Arcu à Palermu. Avemu 30 ore assai dure davanti, cù pocu ventu à l'iniziu è un ventu forte è onde à a fine. Preparemu è prima di parte ci hè un densu scambiu di e-mail cù Francesco, Maurizio è Beppe di a Lega Navale di Palermo.

Avemu apertu una sessione di infurmazione nantu à WhatsApp. Sò d'accordu cun noi: lascià
immediatamente

Una scala in San Vito Lo Capo è po in Palermu per alluntanassi tuttu u ventu sudu chì vene. U ghjornu 14 simu in San Vito, definitivamente grati per e cundizioni di mare in l'ultima sezione.

Andemu à dorme Dumane anderemu in Palermu.
Alessandro hà recuperatu u culore. Prima di sta marcia ùn era praticamenti mai imbarcatu nantu à un battellu.

In pochi settimane hà accumulatu uni pochi centinaia di chilometri. A lotta contra u sturdimentu ma resiste è quandu avemu prupostu di vultà in Palermu per battellu hè rifiutatu.

Grande!

Di 15 di Nuvembre, simu in fin di fine à l'amore di Cannottieri in Palermu

15 de novembre - À a fine di u dopu meziornu simu infine à l'orìgine Cannottieri in Palermu. Francescu, Maurizio, Beppe ghjunghjenu in cima.

Emu passatu cinque ore cun una tensa sudu, patinendu. Inutili, ma ancu assai divertente.

Tuttu u bonu, ancu Alessandro s'hè ripresa.

Ci pigliamu qualchi ore in attesa di u prugramma di dumane chì hè annunziatu inestimamente a 11 à a Liga Navale ci seranu zitelli per l'esposizione Art Sail Boat Art, in riunioni 13 cù l'autorità di a cità è una mostra.

A sera, cena à Moltivolti, cucina lucale etnica.

Paci, inclusione suciale, accolta, parleremu di Palermo è a reta di Ambasciate di a Pace.

 

1 cummentariu annantu à "Ghjurnale di bordu, notte di u 9 è da u 10 à u 15 di nuvembre"

Lascià un cumentu