Novembre 16-18 logbook

In Palermu, trà Novembre 16 è 18, avemu ricevutu è accoltu cù gioia da diverse associazioni è anu participatu à una riunione di u Cunsigliu di Pace.

16 de novembre – À l’11 di a matina u bacinu hè pienu di ghjente, rapprisentanti di l’associi pacifisti, associ chì si trattanu di l’integrazione di i ghjovani immigrati, istruttori di a Lega Navale cù i so studienti più chjuchi chì vanu à bordu à visità a nave è po ci sò i zitelli. assistitu da u prugettu «Navigare in una Mare di Salute» prumuvutu da l'Associu per e malatie autoinflamatorii è reumatologiche rare Remare Onlus Sicilia è a Lega Navale Italiana cù e sezioni Siciliana è Calabria.

Una di quelle iniziative chì devenu esse in prima pagina di ogni ghjurnale. Ma sfurtunatamente ùn hè micca u casu. Perchè? Perchè e malatie rare sò precisamente ... rare.

Allora se u prublema tocca à uni pochi di persone, ci hè pocu attenzione da i media è altri ancu. Eppuru, sti parsoni, chì sò una vera « minurità », sò quì cun noi per parlà di a pace, un prublema chì tocca à tutti.

Una lezioni di altruisimu: e persone chì malgradu i so prublemi puderanu pensà à l'altri.

Arrivatu Adham Darawsha, cunsiglieru di e culture, purtendu u salutu di u sindaco

À 12 ore, ghjunghje Adham Darawsha, Cunsigliere à a Cultura, purtendu dinò u salutu di u merre. Avete lettu bè Adham, un duttore palestinianu, citatinu talianu dapoi u 2017, hè cunsiglieru culturale, à u plurale.

E parolle sò impurtanti è parlendu di culture significa chì ùn ci hè micca una sola cultura, ma parechje.

È chì tutti deve esse cunnisciuti, valutati è intrecciati. U cunsiglieru parla di cunflitti è migrazioni, è cumu noi tutti, ci permettenu di distrughje da inutile cuntruversi pulitichi mentre a ghjente mori.

Ascoltamu è intantu pensemu à dì à i zitelli è à i ghjovani di l'Associu chì sfurtunatamente da u ventu ùn pudemu micca andà cun elli à u mare.

Ci dispiace per deludelu, ma lasciare seria periculosu. À a fine, rivenenu à bordu è parenu assai cuntenti cun questu.

U ventu di u meziornu ... - Ùn rinuncia micca, ma ci cunsulemu cù un molu pienu di ghjente, di musica. Dui amichi di Mauriziu, u nostru anghjulu custode chì in sti ghjorni di navigazione hà mantenutu cuntattu in terra, ghjoca è canta.

Un accolta cordiale hè un premiu significativu chì vi riceve cun piacè

È hè una festa calda. Quand'è ghjunti à un portu chì avete cummattutu pè ghjunghje, una salutazione accolta hè un premiu chjucu ma significativu chì ricevete cun piacè.

Francesco Lo Cascio, portavoce di u Cunsigliu di Pace, corre da un latu à l'altru nantu à u molo è rischia di fà più chilometri ch'è da fà noi pè ghjunghje sin'à quì.

Palermo, una cità chì, tra mille contraddizioni, cù assai sforzu da u core di u Mediterraniu ùn impedisce micca di mandà messagi di pace, dentru è fora di e fruntiere naziunali.

Cità ​​speciale, Palermo, capitale è paese di pescatori, una cità multi-etnica dapoi tempi immemoriali, una cità in u quali si sò fatti i massacri mafiosi, ma induve u muvimentu per a legalità hè iniziatu.

Palermo hè u locu induve ogni navigatore si senti in casa. È cum'è se stavamu in casa dopu meziornu, quandu a festa finisci, lasciemu tuttu in l'aria, tuttu ciò chì hè stata umida in l'ultimi trè ghjorni di mare è spluta.

Cena à Moltivolti, un locu induve l'integrazione si traduce in piatti gustosi à quale d'andemu cun u dirittu.

Novembre 17, avemu visitatu l'Associazione Arcobaleno 3P

17 de novembre - Face u fretu. Ieri u sole brusgiava è eramu in camiceria malgradu u ventu, oghje ci tocca à copre ci è ùn ci hè sole trà un nuvulu è l'altru.

Simu liberi finu à a fine di u dopu meziornu è passanu ore davanti à l'urdinatore, alcune realizanu picculi travaglii di mantenimentu, altri vanu in cità per scuntrà ella.

À 18 ore di sera Francescu Lo Cascio è Maurizio D'Amico venenu à piglià ci è andemu in u quartieru perifericu di Guadagna, induve si trova l'associu Arcobaleno 00P (Padre Pino Puglisi, prete assassinatu da a mafia).

Si tratta di una struttura di travagliu custruita laboriosamente in un vechju edifiziu abbandunatu, induve e persone è e famiglie di tutte e sfondi chì ùn anu micca casa o campà.

Accreditata da a cumuna cum'è un centru di ricezione di primu livellu, grazia à a generosità di l'individui è di l'aiutu di a municipalità, accoglie famiglie italiani è zingari, immigrati è italiani senza casa.

Piccula cumunità fugliata cù amore è energia da Sister Anna Alonzo

Omi, donne, adulti è zitelli formanu una piccula cumunità fugliata cù amore è energia da Sister Anna Alonzo.

Francesco, Maurizio è l'altri amici sò in casa soia, inventendu notti di divertimentu induve tutti l'invitati participanu.

Participemu à una notte di musica ritmica cù tamburi è l'impegnu è a gioia cù chì tutti (in particulari i zitelli) sò occupati cù strumenti improvisati hè assai attrattiva.

Allora tutti sò à u grande tavulinu di a cucina per avè spaghetti è dopu torna musica è canzoni.

Trà di noi u più sfrenatu hè Alessandro Capuzzo, ùn capiscimu micca per u ritmu è a persunalità di i musicanti o da a gioia di sapè chì a so avventura nautica hè finita: ci vemu in Livorno, ma ci sperarà per noi in u dock è U ondulazione tremendu ùn serà più cà un ricordu.

Novembre 18, participeremu à a riunione di u Cunsigliu di Pace

18 de novembre - Face u caldu, ma a previsione meteorologica hè sempre pessima sin'à a notte prossima, allora avemu decisu di parte marti matina, prubabilmente in strada versu l'Isule Pontine per fà una tappa prima di vultà in Livornu.

Avemu leghje di i disastri causati da questa onda prolungata di u malu clima è simu intristiti da u destinu di a Signora del Vento chì s'hè lampatu annantu à u molo è chì era desalberatu da e forti tempeste di Gaeta.

Pensate à i nostri amichi veneziani chì anu finitu sott'acqua. Ogni onda di maltempo chì hè attivata da a viulenza in u nostru paese ci ricorda di duie cose: l'urgenza di fà inversà u corsu di u clima è a necessità di rispettà a Terra.

Quandu si trova in cuntattu strettu cù a natura, cù u mare, tuttu questu hè chjaru. Fighjemu l'imàgine di e tunnellate di plastica chì e timpeste anu purtatu ind'i spiagge è ci dumandemu quandu a ghjente capisce u messagiu: avemu da fà a pace cù l'ambiente.

Sapemu di parechje navi chì anu subitu danni in i porti italiani. U mondu di u mare hè cum'è una famiglia grande, è si senti sempre implicatu in i prublemi di l'altri. Aiutà in mare hè un imperativu categuricu, essenziale. Una lege più vechja cum'è a navigazione.

Semu in la cità in u bellu palazzu Pretorio

À l'ore 16.00 u nostru ultimu sforzu istituziunale è u più impurtante. Femu inseme per participà à a riunione di Cunsigliu di a Pace, chì deve rinnuvà u vostru indirizzu. Semu in u cumune in u bellu palazzu di Pretorio (o Palazzo delle Aquile).

Davanti à tutta l'ajuntamentu è à u merri affaccemu a nostra bandiera è diciamu u significatu di u Marzu per a Pace è di a nostra avventura in Palermu Mediterraniu cunfirmeghja una volta di più chì hè u centru di l'iniziative in u Mediterraniu, sia l'immigrazione, a cultura o a pace.

Da quì, l'alcone Leoluca Orlando hà mandatu una lettera à u guvernatore di Alexandria, in Egittu; à u merri di Barcellona, ​​Spagna; à u merri di Tunisia; à u sindaco di Mahadia, Tunisia; à u merre di Zarqua, Tunisia; à u merri di Istanbul, Turchia; à u sindaco di Izmir, Turchia; Mayor di Rabat, Maroccu; Mayor di Hoceima, Maroccu; Mayor Haifa, Israele; Mayor Nablus, Palestina; Sicritariu Generale di l'Organizazione di e Cità Arabe; Sicritariu Generale di u CMRE (Cunsigliu Europeu di Cità è Regioni), à sindaco di Hiroshima da Alcalli per a Pace.

U primu citadinu di Palermu hà scrittu frà altri cose:

"Per quessa, vulemu chì u dirittu à a pace sia prima di tuttu una riafirmazione di a necessità di disarmamentu, cuminciendu cù a pruibizione di l'armi nucleari è u dirittu di oppone à tutte e guerri.

Vulemu u dirittu à a Pace per include l'Ecologia in e relazioni trà l'omu è a Natura.

Sognemu di un Mediterraniu senza cunflittu, senza armi di distruzzione di massa, senza pareti, frontiere, sorveglianza armata, libera circulazione di persone è idee, ponte di dialogu trà e persone impegnate in un travagliu cumunu, Mar de Paz è micca di cunflitti
Vulemu chì a zona libera di l'arme nucleare di l'Africa sia diffusa in u Mediterraniu è in tuttu u Mediu Oriente.

Vulemu diventà Ambasciatori di a Paci, in modu urganizatu è micca solu simbolicu. L'ambasciate di a Pace sò natu da l'esperienza acquistata in i cunflitti di l'Iraq è di i Balcani, oghje ne vulemu di prupone in Europa è u Magreb.

U passaghju di a 2ª Marcia Munniali di a Nonviolenza serà un'occasione per a so diffusione, chì implica realità istituziunali è di base chì travaglianu per l'affirmazione di i Diritti Umani, a Solidarietà, u Statu di Dirittu, a Ghjustizia.»

A ghjurnata finisci cun saluti à i nostri amichi in Palermu è dopu à bordu per a preparazione finale è per u riposu di a notte.

Dumane matina vidaremu se u sudu di u Mari Tirrenu cunfirma a nostra aspettativa di pudè navigà à u nordu.

Lascià un cumentu