A Marcia Mundiale ghjunghje in Trieste

Dopu avè passatu per Koper-Capodistria, u 26 di ferraghju, u 2mu Marzu Mundiale per a Pace è a Nonviolenza hè ghjuntu in Italia.

Dopu avè passatu à a cità di Koper-Capodistria, in Slovenia, u 26 di ferraghju, a seconda Marcha Mundiale per a Pace è a Nonviolenza ghjunghje in Italia.

U prugramma di u passaghju di marzu in l'area di Trieste hè stata ridutta assai per l'ordine emise per l'emergenza di coronavirus: cum'è in Umag (Croazia) è Piran (Slovenia) ùn era statu pussibule di scontri cù i scolari Muggia è Trieste (it 500 bambini aspittàvanu in l'Aula Magna di l'Università di Trieste) è una conferenza publica hè stata annullata in u quale esse discututi u disarmu nucleari è l'opzioni etiche per a pace.

A fine matina, a squadra di base era stata ricevuta in privatu à u Cunsigliu di Muggia da l'alcuna di Muggia Laura Marzi, dopu a delegazione si trasferì à a Cità di Dolina-San Dorligo della Valle, induve hè stata ricevuta (di novu in privatu ) da u ministru di l'Ambiente, u Territoriu, l'Urbanisimu è u Trasportu Davide Þtokovac.

Allora u gruppu si trasferì à u parcu di San Giovanni (ex spitali psichiatricu, dopu apertu à a cità) induve, in una cerimonia privata davanti u kako di Nagasaki, Alessandro Capuzzo, di u cumitatu organizatore locale, hà ricurdatu a figura di u psichiatru non-violente Franco Basaglia cù u sustegnu di l'interpreta Ada Scrignari.

Eranu ancu presenti Roberto Mezzina, ex direttore di u Dipartimentu di Salute Mentale di Trieste è i dui attori Pavel Berdon è Giordano Vascotto di l'Accademia della Follia.

U sicondu, in particulare, hà ligatu a so sperienza quand'ellu era truvatu chjosu in un ospedale psichiatricu da zitellu, prima di a riforma di Basaglia, una riforma chì li hà permessu di avè una vita normale è truvà un travagliu fora di l'anticu ospedale.

A delegazione si trasfirìu dopu in u centru di Trieste per visità i "lochi di memoria" induve ci sò singuli placche commemorative chì ricordanu l'orrori cummessi da i nazi-fascisti è in Piazza Oberdan un munumentu commemorativa di dui "figlii" assassinati da i nazisti.

In parechji lochi, i "dealers" anu lasciatu corone è bouquets di fiori.

U ghjornu hà finitu cun una riunione cù l'amichi di Trieste da u 2u Marzu Mundiale induve u promotore di a Marzu, Rafael de la Rubia, hà sparte e so esperienze di i paesi chì hà visitatu.

À a fine, u « Cumitatu Danilo Dolci per a Pace, a Convivenza è a Sulidarità » hà vulsutu rende umagiu à i 5 manifestanti cù e bandiere di pace bislingua italiana è slovena prima di partì per a tappa dopu : Fiumicello-Villa Vicentina, cità à 50 km da Trieste.


Scrittura è fotografia: Davide Bertok

Lascià un cumentu